Atomic Blonde è il nuovo film di David Leitch, regista che si è occupato nel lontano 2014 di John Wick, pellicola che ha segnato il ritorno di Keanu Reeves nel mondo dell’action.

Anche se uno ce la mette tutta per non pensarci, è quasi impossibile non paragonare due film che sono nati dalla stessa mente. John Wick, un mercenario che aveva dato il suo addio al mondo del crimine ma che è stato costretto a ritornarci per completare la sua vendetta e Atomic Blonde, che in un certo senso ne ripercorre le orme, ma solo in parte.

La trama è molto semplice: Lorraine Broughton è una spia di massimo livello nel MI6  inviata durante il crollo del muro di Berlino per smontare una spietata organizzazione che ha appena ucciso un loro agente sotto copertura per motivi a noi sconosciuti. La bella Lorraine dovrà collaborare con il direttore della sede della città tedesca, David Percival, interpretato da James McAvoy, per sventare la minaccia che mette a rischio l’intero sistema spionistico occidentale.

Atomic Blonde - La recensione (NO SPOILER)

Adattamento cinematografico della graphic novel di Anthony Johnston e Sam Hart The Coldest City, Atomic Blonde già dai primi trailer del film e dalle prime immagini, aveva fatto capire il suo intento: intrattenere. È impensabile andare a vedere un film di questo tipo ed aspettarsi qualcosa si sofisticato, kubrickiano. È un film action che va visto come tale.

Le scene d’azione sono realizzate veramente bene e Charlize Theron, che nel film interpreta Lorraine, è davvero eccezionale. Molti utilizzano degli stuntman durante le scene di azione, mentre lei, invece, si è sottoposta ad un duro allenamento con i vari coreografi e stuntman per realizzare da sola tutte le scene del film. Potete guardare il video dell’allenamento qui. Vi ricorda qualcuno? Esatto, proprio Keanu Reeves che per John Wick, sia il primo che il secondo, ha fatto esattamente la stessa cosa. Due persone molto testarde!

Ovviamente non ci poteva aspettare chissà quale storia, infatti per quello che è non è assolutamente male. Il problema è che si sono spinti troppo in là. Hanno voluto realizzare una storia fin troppo complessa, che per il tipo di film che hanno voluto realizzare, può solo far storcere il naso. Troppa carne al fuoco che ha complicato un qualcosa che poteva essere davvero semplicissimo. La gente è andata in sala per vedere Charlize Theron fare a botte, non voleva di certo una storia studiata o che lasciasse il segno.

Poteva essere uno dei film più belli dell’anno, ma si è perso in un bicchiere d’acqua.

Seguici anche sulla nostra pagina Facebook e Twitter per aggiornamenti e novità!

Atomic Blonde
6.7Overall Score
Regia7
Fotografia7
Sceneggiatura6.4
Storia6
Share This